9 Dicembre 2022
lettura in 4 min

Lettura: spazio alle e ai giovani!

di Bergamo per i Giovani

Se la letteratura fosse un super potere quale sarebbe? 

“L’empatia: un super potere reale, difficile da raggiungere. È la naturale esigenza, per nulla scontata, di mettersi nei panni di un’altra persona. Ed è proprio questo che fa un autore creando un personaggio, dandogli voce, costruendo la sua realtà”. Caterina

“La vista a raggi X: i libri danno la possibilità di vedere in profondità. Ti aiutano a leggere diversamente il contesto nel quale vivi e a poter guardare attraverso la complessità del mondo comprendedola”. Niccolò

Queste sono le risposte di Caterina Boccalatte e Niccolò Gualandris, due giovani che negli anni passati hanno fatto parte della giuria under 25 del Premio Nazionale Narrativa Bergamo. Li abbiamo incontrati per farci aiutare a promuovere la nuova edizione del bando per la giuria, in quell’occasione ci hanno letto un estratto del libro che hanno preferito durante l’esperienza da giurat*. Ci hanno raccontato cosa ha significato per loro questa avventura. Ma soprattutto ci hanno spiegato cosa è per loro la letteratura e cosa servirebbe a Bergamo perché la loro generazione si appassioni di più ai libri.

Troppo spesso alla pratica del leggere si dà un'impronta morale: leggi perché fa bene, ti fa pensare e ti rende migliore, ma questo atteggiamento non fa altro che accrescere la nomea della letteratura come esperienza noiosa, cosa che non è. La lettura diventa noiosa quando un testo diventa di difficile comprensione o tratta degli argomenti che non interessano chi legge. Riuscire a superare la difficoltà nell'interpretare un testo e la conseguente noia della pagina, permette di trovarsi davvero a contatto con quello che lo scrittore o la scrittrice intende raccontare. Chi legge e riesce ad andare avanti, non lo fa per dovere, né perché ritiene importante informarsi o per diventare migliore, ma solo perché trova tra le pagine qualcosa che gli parla.

Caterina racconta come : “per me leggere è un’esperienza che coinvolge tutti i sensi: mi piace molto sottolineare mentre leggo, annusare i libri, l’esperienza tattile rende il leggere un momento immersivo”.

Niccolò nella letteratura trova: “un modo imprescindibile di conoscere la realtà. Il bello di quest’arte, che non trovo in nessun’altra forma artistica, è che si riesce a parlare di nulla dicendo tantissimo. I romanzi più belli sono quelli dove la trama è irrilevante”.

Per trasmettere la passione per la lettura il Premio Nazionale Narrativa Bergamo ha da sempre coinvolto giovani nella giuria popolare. “Col tempo abbiamo capito che non bastava avere delle e dei giurati under 25. Bisognava anche mettere in atto iniziative concrete finalizzate a migliorare la capacità di lettura critica e autonoma dei giovani lettori, trasmettendo loro anche il piacere di una lettura approfondita. Bisognava entrare nelle scuole e supportare i docenti nella loro azione didattica”, racconta Flavia Alborghetti, che lavora nell'associazione PNNB dal 2007.

Calare dall'alto affermazioni del tipo “leggere è interessante e divertente” non aiuterà le giovani generazioni ad appassionarsi alla lettura. Per noi di Bergamo per i giovani il miglior modo di coinvolgere le e i giovani è supportarli rendendoli protagonisti del cambiamento, impegnadosi a immaginare modi, metodi e strade per stimolare e interessare le e i propri coetanei. Per questo abbiamo chiesto direttamente alle e agli ex giurati di promuovere questa iniziativa sui social network, senza demonizzare questo mezzo ma anzi, utilizzandolo come stimolo per l’avvicinamento alla lettura.

Grazie al confronto con Caterina e Niccolò abbiamo capito quanto sia forte il bisogno di spazi decostruiti, in cui le ragazze e i ragazzi possano sperimentarsi, creando il proprio pensiero critico attraverso il confronto con le e i loro pari. 

Per questo da anni supportiamo la giuria giovane del Premio Narrativa, perché è un’occasione unica per costruire le proprie competenze narrative che sono alla base delle future capacità progettuali e relazionali delle e dei giovani. 

Le candidature per la giuria giovane sono aperte fino al 20 dicembre 2022, trovi tutte le informazioni in questa news.

Bergamo per i Giovani

vedi tutti gli articoli del blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

POST CORRELATI

10 Giugno 2021
È arrivato Voci urbane!

Voci urbane è il blog di Bergamo per i Giovani, le Politiche Giovanili del Comune di Bergamo, un luogo di approfondimento e racconti!

13 Gennaio 2023
Cosa fa Bergamo per Giovani per le scuole

Un vecchio adagio recita: anno nuovo, vita nuova. Questo 2023 (in realtà già gli ultimi mesi del 2022 ma non […]

9 Dicembre 2022
Lettura: spazio alle e ai giovani!

Se la letteratura fosse un super potere quale sarebbe?  “L’empatia: un super potere reale, difficile da raggiungere. È la naturale […]

9 Novembre 2022
La letteratura fantascientifica contro la violenza di genere

Isterika Istorika, un gruppo di lettura in cui ascoltare, discutere e interpretare le parole di chi si interroga su questioni […]