10 Gennaio 2022
lettura in 6 min

Il regalo che non scade mai!

di Bergamo per i Giovani

Nel 2022 possiamo spezzare il circolo dei regali inutili e reinvestire in quello della sostenibilità

C’era ogni anno, e per qualche persona fortunata continua ad esserci, quel perfetto mix di euforia e trepidazione che accompagnava il periodo natalizio, quando tra pranzi, cene, strenne e regali, ci si trovava sempre a proprio agio. Poi, tra bene e male, si inizia a crescere e a notare i tanti "mah" che l’entusiasmo prima celava: 

  1. parenti che fanno sempre le stesse tre domande e raccontano sempre la stessa avventura puerile;
  2. l’albero di Natale che non è poi così allegro, coi rami in plastica o le foglie morenti nei saloni con 23 gradi;
  3. le lucine in città e sui terrazzi servono davvero? Saranno anche led, ma consumano lo stesso, no? 
  4. i tanto attesi regali si rivelano sempre più inutili o sempre meno originali. 

Di anno in anno si acuisce la sensazione che i tanto declamati valori di condivisione continuino a sfuggirci. E nella ricerca di qualcosa che sappia dare un senso alla frenesia e ai consumi, finiamo per somigliare rovinosamente al Grinch. Non è così?

Se anche quest’anno hai trovato sotto l’albero solo regali poco graditi, nessuna prospettiva di partecipazione e opzioni poco sostenibili, se il tuo ritornello preferito è “fa’ che nonna mi abbia regalato i contanti e non il solito paio di guanti”, come cantano gli Zen Circus in Canzone di Natale, forse possiamo darti un punto di vista diverso per l’anno nuovo… e anche qualche consiglio per reinvestire i regali di cui proprio non avevi bisogno. Si chiama economia circolare.

Economia circolare e di scambio: che cosa è

Foto di Vlada Karpovich da Pexels

La Fondazione Ellen MacArthur, dedicata proprio alla divulgazione e sensibilizzazione sui temi dell’economia circolare, la descrive come un’economia pensata per potersi rigenerare da sola. È un modello di produzione e consumo che mira all’estensione del ciclo di vita dei prodotti, contribuendo alla riduzione dei rifiuti. Una risposta plausibile, ma soprattutto possibile, alle richieste di sostenibilità ambientale e sociale che sempre più vengono mosse dalle giovani generazioni.  

Ne parlano anche, con crescente attenzione, il Parlamento Europeo e il MITE, e lo fanno chiedendo un reale impegno alle aziende per reintrodurre nel ciclo economico, in cambio di sgravi fiscali e importanti incentivi, i materiali di scarto o ciò che resta di prodotti che hanno terminato le loro funzioni. Non solo: a livello europeo sono in corso importanti richieste d'intervento per l'adozione di misure contro l'obsolescenza programmata dei prodotti, cioè quella strategia di produzione che prevede già un termine massimo di funzionamento per oggetti, soprattutto per quelli tecnologici.

Circolare VS lineare

Parlare di economia circolare presuppone di per sé l'immagine del cerchio, la linea chiusa e curva che per eccellenza descrive i processi che si autosostentano. Ed proprio l'autosostentamento ciò a cui si punta con questa forma rigenerativa di produzione, scambio e consumo. 

I principi dell'economia circolare sono, poi, in netto contrasto con il modello di economia lineare a cui siamo abituat*, fondato su estrazione + produzione + utilizzo + rifiuto. Questo modello, con la linea retta che lo descrive, dipende da ciò che, con sempre più consapevolezza, non possiamo permetterci di ottenere nel 2022:  grandi quantità di materiali e energia facilmente reperibili e a basso prezzo.

Più ci avviciniamo all’economia circolare, più diventa fondamentale spostare l’attenzione sui prodotti e sui materiali già esistenti, con l’obiettivo di rimetterli in circolo, appunto: le parole chiave diventano riutilizzare, riparare, rinnovare, ricondizionare, riciclare, ma anche condividere, scambiare e prestare. Da rifiuto a risorsa, insomma. E non si tratta solo di esigere un cambiamento dalle grandi aziende: nelle economie circolari davvero ognun* di noi può contribuire, compiendo scelte di consumo sostenibili, ecologiche, solidali. Mai come adesso siamo tutt* chiamat* a maggiore consapevolezza. Ok, ma cosa si può fare, allora?

To do list per essere fuoriclasse di sostenibilità circolare

Buone notizie! Innanzitutto possiamo sfatare il mito dell’Italia sempre agli ultimi posti nelle classifiche di virtuosismo: il Rapporto sull’economia circolare 2021 di Circular Economy Network  ci consegna proprio il primato europeo per la mobilitazione di risorse e strategie a favore di questa forma di economia sostenibile. Non solo: il nostro Paese è anche bravissimo per quanto riguarda il riciclo dei rifiuti. Se pensiamo quanto questo faccia bene all’ambiente e alla lotta ai cambiamenti climatici, non possiamo che essere orgogliose e orgogliosi e continuare a fare meglio. 

Foto di Sarah Chai da Pexels

Ecco, quindi, i nostri buoni propositi per un 2022 all’insegna della circolarità: 

  • acquistare alla spina e cosmetici solidi: sono molti i negozi e i marchi che propongono prodotti senza packaging o con packaging ricaricabili, un importante impegno alla riduzione dei rifiuti; 
  • acquistare usato o vintage: trovi tantissimi negozi di seconda mano a Bergamo, ma puoi anche affidarti ad App e siti: da Subito a Vinted e Vestiaire Collective, c’è solo l’imbarazzo della scelta; 
  • preferire accessori tecnologici rigenerati: i materiali che compongono smartphone, pc, cuffie bluetooth, ecc. sono tra i più difficili da smaltire e la loro produzione costa condizioni di lavoro inaccettabili in tanti Paesi lontani dal nostro orizzonte;
  • impegnarsi a fare sempre e bene la raccolta differenziata, anche quando abbiamo zero sbatti; 
  • prediligere produttori locali che utilizzino risorse rinnovabili;
  • riciclare abiti e scarpe donandoli a chi ne ha bisogno se sono in buono stato, o consegnandoli ai punti vendita che raccolgono tessuti per rigenerarli;
  • cercare gruppi di acquisto solidale e ordinare la spesa in compagnia 🙂

E con i regali di Natale che proprio non vanno giù?

Opzione A - il riciclo: fa bene all’ambiente, al portafogli e all’anima. Sicuramente c’è qualche persona che conosci che può apprezzare il doppione del libro che hai già letto o la candela dal profumo per te insopportabile.Opzione B - organizza uno swap party! Quante amiche e amici stanno aspettando, come te, di liberarsi del maglione di tre taglie più grande, della tazza barbosa, dell’ennesimo pacco di calze? Riunitevi per una cioccolata e scambiate tutto quello che vi può servire! (ma poi fateci sapere come va…)

Bergamo per i Giovani

vedi tutti gli articoli del blog

One comment on “Il regalo che non scade mai!”

  1. […] Anche per la Fantahouse Tiktok è il pretesto per avviare una discussione su tematiche care al gruppo, che vengono poi trasformate in azioni concrete. Per esempio lo scorso autunno hanno organizzato uno swap party nel quale il fulcro era lo scambio gratuito di vestiti. Durante l’evento non è mancato un momento di confronto sul mondo del fast fashion e, in un pomeriggio di divertimento, sono riuscitə ad insegnare alle molte persone intervenute il valore della circular economy. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

POST CORRELATI

10 Giugno 2021
È arrivato Voci urbane!

Voci urbane è il blog di Bergamo per i Giovani, le Politiche Giovanili del Comune di Bergamo, un luogo di approfondimento e racconti!

10 Maggio 2022
Un’esperienza di volontariato particolare

L’estate si avvicina e a breve verranno pubblicate e promosse le proposte di volontariato estivo BG+, che offrono a ragazzi […]

8 Aprile 2022
Una scuola nuova è una scuola sempre aperta

Scuole Aperte: una sperimentazione Il progetto Scuole Aperte, promosso dall’amministrazione comunale di Bergamo, nasce per rafforzare la funzione della scuola come […]

9 Marzo 2022
Fantahouse: quattro ragazzu e tiktok come strumento di attivismo digitale

Come la Generazione Z utilizza i social network per prendere posizione. Per scrivere questo articolo del blog abbiamo installato e […]